Starnazzi Carlo - CALOSCI

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Starnazzi Carlo

Link > Autori

è nato ad Arezzo l'8 ottobre 1949. Membro dell'Istituto Italiano di Preistoria e Protostoria ha collaborato con l'Istituto Geografico Militare e con "Archeologia Viva". Nel 1996 ha ricevuto la medaglia d'oro dal Presidente della Repubblica come benemerito della scuola, della cultura e dell'arte. Dal 1992 ha indirizzato i suoi studi interdisciplinari sulla componente naturalistica nei dipinti e nei disegni di Leonardo da Vinci. Tra le sue più recenti pubblicazioni di argomento vinciano, occupano un posto di particolare importanza, per lo stretto rapporto che intercorre tra scienza e arte, le monografie "Leonardo. Acque e Terre"; "Leonardo  cartografo"; "Leonardo. Codici e Macchine". Nel 2005 pubblica con Calosci "Leonardo e la Terra di Arezzo", tra i vari argomenti ivi riportati vi è la scoperta che il paesaggio, dietro alla ritratto della Gioconda, non può essere che quello della località Ponte Buriano nelle vicinanze di Arezzo. La scopeta gli fu partecipata dall'amico avv. Cesare Mafucci con cui pubblicò "Il paesaggio della Gioconda" nel 1995. Starnazzi, come affermò Martin Kemp dell'Università di Oxford, ha avuto il merito di aver dato valore intellettuale all'intuizione di Mafucci, giustificandola sul piano storio, geologico  e filosofico.  
Nel 1999 ha organizzato con il Rotary Club Arezzo il convegno internazionale su "I paesaggi di Leonardo da Vinci". Ad Arezzo ha con successo curato la mostra sulla "Madonna dei fusi" di New York e, nel 2002, ha allestito quella sul grande "Foglio del Teatro", con nuovi contributi di studi per la messinscena dell'"Orfeo" di Poliziano. Ha diffuso in Italia e all'estero la più ampia rassegna delle concezioni tecnologiche vinciane, illustrate con grande acume nelle varie mostre itineranti, da quella al Museo della Scienza di Chicago a quelle di Auckland, di Seùl e di Pechino. Nel 2003 è stato invitato a Londra a far parte della Commissione Mondiale per gli studi su Leonardo e nel 2005 è stato coinvolto nel programma "Mostre d'Arte" dalla Direzione Generale del Consiglio d'Europa. Ultima sua pubblicazione è stata Leonardo dalle Chiane alla Loira (Calosci, 2006) con edizione anche in lingua francese ed inglese, riportante fra l'altro la sua rilevante scoperta che la cupola, o meglio il tiburio, della chiesa di S. Maria della Grazie al Calcinaio di Cortona è la realizzazione del progetto approntato per il duomo di Milano da Leonardo da Vinci.
Ci ha lasciato il 25 giugno 2007.


 
Torna ai contenuti | Torna al menu