I fioretti del dottor Rompi - CALOSCI

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

I fioretti del dottor Rompi

Link > LETTERATURA DIALETTALE


Dalla presentazione di Alberto Fatucchi
A sette anni dal successo del volume "Ai mi' tempi", riedito in veste nuova e sotto il titolo di "Pàion Novelle" da Grafiche Calosci Cortona (AR) "El citto de Bista", per l'anagrafe Mario Scoscini, sacerdote salesiano, torna a deliziarci con questi trenta aneddoti in vernacolo aretino.
Ne è protagonista reale un confratello, che qui diventa il Dottor Rompi.
Il ritratto che ne esce è nella tradizione macchiettistica toscana, nella quale quella aretina a sua volta si distingue per la sua asciutta, quasi rude, incisività icastica.
L'espressione perciò rientra in un interesse oggi sempre più vivo per il dialetto, inteso come doveroso recupero d'identità culturale, che si sta perdendo con le nuove generazioni, per di più livellate a comportamento di gruppo, in cui le peculiarità dell'individuo tendono ad essere rifiutate.
Il Dottor Rompi è un bonaccione volenteroso, ma un pò sprovveduto e pasticcione. Con disinvoltura e candore combina situazioni comiche, talora esilaranti, senza forzature.
E la comicità è fresca, la risata sgorga nel lettore spontanea.

Sotto l'apparente dimessa semplicità c'è un uso della parola scaltrito, sfruttato nelle più sottili possibilità espressive, offerte dal vernacolo.
Vi si colgono il buonsenso, la capacità critica bonaria, la misura, tipici della civiltà rurale, affinati nelle classi popolari dalla secolare lotta per la sopravvivenza, nel rispetto degli altri, fondati su principi etici solidali.
L'opera è anche documento antropologico, di un "piccolo mondo antico" perduto. Anche dalla nostalgia dei suoi valori irrecuperabili nasce la sincera ispirazione di queste pagine.

                                                                 

Clicca nel carrello per acquistarlo.

Ii fioretti del dottor Rompi

9,00 € Aggiungi
 
Torna ai contenuti | Torna al menu