Fabrizi Franco - CALOSCI

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Fabrizi Franco

Link > Autori

FRANCO FABRIZI (Sarteano 1938), fin da giovane affianca alla sua attività di insegnante una costante dedizione allo studio dell’ambiente, della storia e delle tradizioni del suo paese.
Nel 1956 organizza, insieme ad alcuni coetanei, un gruppo speleologico che esplora sistematicamente le grotte della zona effettuando importanti scoperte paleontologiche (“ursus” pleistocenico) e preistoriche (giacimenti e depositi del neolitico, eneolitico ed età del bronzo) che segnala alle autorità competenti collaborando poi nelle operazioni di scavo e recupero.
Nel 1958 aderisce al gruppo speleologico URRI di Roma partecipando all’esplorazione di alcune grotte impegnative in Abruzzo.
Nel 1961 il suo gruppo locale è uno tra i primi in Italia ad effettuare esplorazioni non soltanto nelle cavità naturali ma anche in quelle artificiali, dando inizio a decenni di ricerche nel sottosuolo labirintico dell’antica città etrusca di Chiusi.
Nel 1962 entra in contatto con l’associazione speleologica senese (A.S.S.) alla quale si unisce insieme ad altri componenti del gruppo di Sarteano ormai disciolto.
Da questa fusione scaturisce un’ulteriore intensa indagine speleologica nelle grotte del monte Maggio, della Montagna senese e nei “Bottini” sotterranei di Siena.
Ha collaborato alle attività di ricognizione e scavo con il gruppo archeologico “Città di Chiusi”, con il gruppo archeologico “Etruria” di Sarteano e con il museo civico di preistoria del monte Cetona. Sulle scoperte ed esperienze compiute ha pubblicato articoli specifici nella rivista mensile TALP della federazione speleologica toscana (F.S.T.) e nel periodico OPERA IPOGEA della società speleologica italiana (S.S.I.).

Per l’edizioni CALOSCI ha pubblicato i volumi ambedue esauriti: “Il labirinto di Porsenna - leggenda e realtà" (1987) e “Il labirinto di Chiusi - storia, scavi, esplorazioni”, (2001), quest’ultimo ristampato nel 2014.



 
Torna ai contenuti | Torna al menu