Cefaratti Nicola - CALOSCI

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Cefaratti Nicola

Link > Autori

È nato a Gorizia nel 1935: risiede ininterrottamente a Firenze dal 1939 diventando, di fatto, la sua città d’adozione.
Si è diplomato  perito industriale capotecnico, specializzazione elettrotecnica, nel 1954.
La sua attività lavorativa si è esplicata per un biennio presso la società Piaggio di Pontedera  (PI) e per il resto presso una importante industria vetraria fiorentina. È terminata nel 1992 .
Pur non occupandosene per ragioni professionali, ha da sempre coltivato lo studio dei trasporti pubblici di Firenze e dell’Area Fiorentina registrando e raccogliendo, dal 1946, tutto quanto li riguardava, compresi gli argomenti di contorno, realizzando così una completa rassegna stampa sull’argomento scritta e visiva (foto e riprese a passo ridotto), che unitamente a notizie personali acquisite direttamente sul posto e lunghe ricerche in archivi ecc., hanno enormemente facilitato la realizzazione di diverse pubblicazioni alle quali ha dato vita a partire dal 1987, tutte per i tipi dell’Editore Calosci.
Esse sono state le seguenti:

1)- "1865-1985 Centoventi anni di trasporti pubblici a Firenze" (coautore ad honorem Moroello Malaspina per l’impegno profuso nella raccolta di notizie ed immagini, queste ultime in buona parte sue). La parte iniziale del libro tradotta in lingua inglese è opera della sig.ra Barbara Ceccarelli consorte dell’Autore. 1987.

2)- "Un tram per Firenze" album in buona parte fotografico realizzato in due vesti tipografiche, una per la vendita e l'atra richiesta da Comune di Firenze e azienda ATAF, sempre di Firenze. 1988.

3)- "Col tram da Firenze a Fiesole" monografia scritta in occasione del 1° centenario della tranvia Firenze-Fiesole inaugurata nel settembre 1890 ed "adottata" da ATAF, in edizione personalizzata, per la mostra relativa all’evento tenutasi nella città di Fiesole. 1990

4)- "Un BUS chiamato SITA piccola storia di un grande Azienda" volume aziendale ufficiale richiesto direttamente dalla società SITA all’editore Calosci con autorizzazione alla libera vendita. 1990

5)- "Dalla Montagna Pistoiese alle strade del mondo, storia dell’Impresa Automobilistica LAZZI", anche questo richiesto dalla Società LAZZI all’editore Calosci con autorizzazione alla libera vendita. 1999

6)- "Col tram da Firenze a Scandicci" monografia dedicata ad una vecchia tranvia deputata a divenire la prima di quelle nuove progettate per Firenze. 2004.

7)- "1865-2005 Centoquarant’anni di trasporto pubblico a Firenze" opera in due volumi: il primo dedicato al trasporto pubblico urbano, il secondo a quello extra urbano ed alle nuove tranvie. 2007.

8)- L’Editore Calosci ha dato alle stampe e fornite anche ad ATAF fiorentina, che le aveva direttamente richieste personalizzate, una serie di cartoline storiche riproducenti suoi vecchi veicoli tranviari e non, realizzati e colorati a mano dal figlio dell’autore delle pubblicazioni menzionate. 1989.

9)- L’Editore Calosci ha dato alle stampe e forniti ad ATAF fiorentina, che li aveva direttamente richiesti, un numero imprecisato, ma notevole, di calendari 50x70 cm nei quali era rappresentata l’evoluzione storica dei veicoli posseduti nel tempo, disegnati e colorati a mano dal figlio dell’autore di cui sopra. 1989.

10)- a) Nicola Cefaratti, su richiesta dell’editore Calosci, ha collaborao per la pubblicazione "Oltre lo Stretto in filobus" di Giuseppe Di Lorenzo edito nel 1991, facendo anche schemi e disegni per tale libro.
       b) L’autore di cui sopra, sempre su richiesta dell’Editore Calosci, ha riservato lo stesso trattamento, aggiungendo anche la presentazione, al volume "La grande SIAMIC" di M. Marsilio e G. Cenci. 2009.

11)- Per completezza Nicola Cefaratti ha collaborato:
-  con l’Editore Nerbini di Firenze scrivendo il 1° capitolo e l’Appendice al sesto del libro edito nel 2007 "ATAF sessanta anni nel cuore della città" voluto dall’azienda;
- con il Comune di Firenze (Quartiere 5) per la realizzazione della monografia dal titolo "Col tram da Firenze a Peretola- ieri oggi domani". 2009.




 
Torna ai contenuti | Torna al menu