Cardicchi Fortunato - CALOSCI

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Cardicchi Fortunato

Link > Autori

nasce a Cortona il 7 marzo 1917. È l'unico maschio in famiglia, con tre sorelle Irma, Rosina e Margherita e con la madre Gioconda Nardini. Rimasto orfano di padre, è inserito nell'orfanotrofio maschile "Benedetto Cinaglia", che ha  formato al lavoro e alla vita civile un gran numero di giovani. Nel 1928 lo si trova nella lista dei ragazzi destinati alla colonia di  Ginezzo - Cortona, con retta pagata a metà dal Patronato scolastico e nel 1931 è ancora tra i ragazzi della colonia. Nel 1935 il suo  nome appare nella lista delle spese delle scarpe che il collegio  paga per lui.
Secondo quanto lui stesso racconta all'inizio del "diario", nel 1939 lavora già da undici anni, e cioè dal 1928 quando aveva solo undici anni, presso la ditta di Enrico Stolzoli ("Rigo" per i cortonesi) in qualità di stagnino idraulico, lavoro che poi come piccolo imprenditore egregiamente ha fatto per tutta la vita. L'Orfanotrofio manteneva i giovani, li educava, li  mandava a scuola e al contempo li avviava al lavoro presso stimati artigiani locali.
Il 2 aprile 1939, domenica delle Palme, parte per la caserma Guglielmo Marconi di Bologna per iniziare la sua vita militare come radiotelegrafista. Si sposa a Cortona, in seguito ad una licenza militare, il 27 novembre 1941 con Elena Equatori.
Nel 1970 è stato eletto assessore al personale del Comune di Cortona.
Queste le notizie riprese dall'Introduzione del suo libro Diario di Guerra 1939-1942 pubblicato a cura di Marizia Bucci Mirri, Calosci 2010.


 
Torna ai contenuti | Torna al menu