Compendio storico-tecnico delle Ferrovie Italiane - Volume secondo - CALOSCI

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Compendio storico-tecnico delle Ferrovie Italiane - Volume secondo

Link > Trasporti Pubblici

Con questo secondo volume viene completata la complessa storia della ferrovia italiana, iniziata nel 1839 con la Napoli-Portici e susseguitasi senza soste in continuo sviluppo.  Mentre nel primo volume è narrata la storia della rete ferroviaria in questo secondo volume viene descritta l'evolutiva progressione dei treni di questi ultimi 170 anni, sempre più efficienti, potenti, veloci e comodi. Prima di costruzione inglese, francese e tedesca, poi di costruzione italiana con sorprendenti primati. Dagli affascinantii treni a vapore che riuscivano ad arrivare alla velocità di 50/70 km/h alle attuali frecce che, almeno in prova, arrivano a 400 km/h. Un susseguirsi di innovazioni da affacinare qualsiasi lettore che apprezzi l'ingegno umano.
Il tema vastissimo di questo secondo volume descrive i vari sviluppi storici tecnici della trazione a vapore, elettrica e Diesel sia dei treni classici composti di locomotiva che traina carrozze o carri merci, sia dei convogli di automotrici termiche od elettriche. L'autore con la sua consueta meticolosa precisione, alla quale ha già abituato i lettori nel primo volume, ci illustra con ricchezza di dettagli tutti i vari tipi di locomotive apparse in Italia non solo con parole e numeri ma anche con fotografie e con perfetti figurini che costituiscono un'attraente caratteristica tipica di quest'opera senza un'uguale nella pubblicistica ferroviaria.
Altro pregio del volume sono le suddette minuziose espressioni di dettaglio, precedute da una panoramica illustrativa  sintetica ed esauriente sul tema in argomento di modo che per inquadrarlo nel corretto contesto storico-tecnico non è necessario consultare altre fonti tanto che questo libro si potrebbe definire autosufficiente. Particolarmente approfondita la problematica sui vari sistemi di trazione elettrica che caratterizzavano il suo timido inizio nel mondo intero e che videro le ferrovie italiane protagoniste anzi antesignane in questo campo.

                                    

 
Torna ai contenuti | Torna al menu